Epilogo all'italiana

Dopo tutta una serie di battute e battutine di bassa lega, da “dovrebbe essere l’orango ad offendersi” (Daniele Stival, assessore regione Veneto, sul suo profilo Facebook) alle prime pagine dei giornali che evocavano il “caimano” per Berlusconi, il “cinghialetto” per Craxi, etc. in un crescendo surreale, l’epilogo era scontato: Calderoli si scusa in aula secondo la solita solfa (“non era mia intenzione offendere”) e si passa alla stretta di mano fra i due.

Annunci

Dopo tutta una serie di battute e battutine di bassa lega, da “dovrebbe essere l’orango ad offendersi” (Daniele Stival, assessore regione Veneto, sul suo profilo Facebook) alle prime pagine dei giornali che evocavano il “caimano” per Berlusconi, il “cinghialetto” per Craxi, etc. in un crescendo surreale, l’epilogo era scontato: Calderoli si scusa in aula secondo la solita solfa (“non era mia intenzione offendere”) e si passa alla stretta di mano fra i due.

Grande gesto del ministro italiano, che non ha minimizzato ma si è mostrata indubbiamente di tutt’altro spessore culturale.
Solita palude dei politici italiani che non sono stati capaci di far dimettere, di fare pressione, di invitare ad andarsene, di escluderlo, cacciarlo, ghettizzarlo!
Alla fine, ci si accontenta di un paio di minuti di circostanza e si fa finta di nulla.

Vergogna! Non credo che basti la dichiarazione di Guglielmo Epifani, segretario del Pd :”il caso non è chiuso. In qualsiasi paese europeo uno che pronuncia certe offese se ne sarebbe andato. Ma la verità è che non abbiamo strumenti per farlo dimettere”.

Non credo neanche basti la ramanzina di Enrico Letta che minaccia la Lega, collusa, di far saltare gli accordi per l’Expo (cito: “e che c’azzecca???”).

Soprattutto non capisco alcune affermazioni (sintetizzo):

  1. Calderoli: “non si tratta di frasi razziste e, peggio ancora, razziali ” … e di cosa si tratta?
  2. Calderoli: “ho spostato l’accento dal politico al personale, travolto dall’atmosfera del comizio”. … e allora?

In realtà siamo di fronte ad un politico razzista che -per prendere in giro- fa l’atto formale delle scuse dovute. La cosa più grave è che ricopre cariche pubbliche.
No, non mi basta la pantomima del Senato.

Bisogna intervenire e mandarli tutti oltre confine!

Autore: Massimiliano De Conca

Insegnante, filologo, curioso …. penso che ci siano dei momenti in cui sia giusto presentarsi in prima persona!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...