Il grasso che cola degli Statali

Renzi non si ferma mai, è sempre in campagna elettorale. Dopo aver sparato a zero sui sindacati, adesso continua ad attaccare -con la sua retorica fintoimprovvisata- i lavoratori dipendenti statali, ai quali concede il lusso di protestare: tanto non ascolterà!
L’ipotesi sempre più concreta di un blocco contrattuale prolungato a tutto il 2015 è scandaloso, eppure …

Annunci

madia-640Renzi non si ferma mai, è sempre in campagna elettorale. Dopo aver sparato a zero sui sindacati, adesso continua ad attaccare -con la sua retorica fintoimprovvisata- i lavoratori dipendenti statali, ai quali concede il lusso di protestare: tanto non ascolterà!
L’ipotesi sempre più concreta di un blocco contrattuale prolungato a tutto il 2015 è scandaloso, eppure …

Non si va da nessuna parte con le riforme senza cuore: continueremo a fare le riforme costi quel che costi ma non basta’‘ per far ripartire davvero l’Italia: così Renzi facendo appello agli imprenditori per lavorare insieme.

Poi ancora: “Anche nella macchina della pubblica amministrazione alcuni tagli vanno fatti, c’è troppo grasso che cola. L’operazione di tagli è un’operazione che fa chiunque in una famiglia normale”. “Chi è che non ha fatto sacrifici finora – aggiunge – è la macchina pubblica, dove non si è intervenuto nei centri di costo”. (ANSA)

Dunque, proviamo a ragionare.

1) il blocco dei contratti dal 2010 ha fatto perdere mediamente ai dipendenti statali circa 6000 euro (poco meno di 2000 euro all’anno), in potere d’acquisto. Ad acluni si danno gli 80 euro (senza capire con quale discrimine), però questi hanno un tabellare stipendiale fermo a 4 anni fa, a fronte di un’inflazione galoppante e di una crisi sempre più deprimente.

2) i tagli e le contrazioni di organico sono avvenuto sui dipendenti statali, non sui parlamentari, portaborse etc.

3) non sono stati ritoccati e ‘resi reali’ i costi della buvette e del barbiere degli inquilini del Transatlantico

4) sono stati solo progressivamente diminuiti i finanziamenti ai partiti, pertanto i costi della politica sono ancora, a tutt’oggi, nettamente superiori -in proporzione- di quelli dei dipendenti delle PA soggetti

5) pur contravvenendo un parere della Corte Europea, i precari italiani presso lo Stato, con 36 mesi di contratti a tempo determinato, non sono stati stabilizzati (questo anche ci dice l’Europa)

6) il blocco del turn-over e di Quota96 sono torture ai danni degli statali. E qui si apre una parentesi: non è possibile ritoccare le pensioni d’oro perché sono frutto di un diritto acquisito, perché non possiamo finalmente liberare i Quota96 che hanno acquisito il diritto ad andare in pensione fino a quando una ministra (Fornero) ha deciso il contrario?

Renzi, ma che cazzo dici???

Autore: Massimiliano De Conca

Insegnante, filologo, curioso …. penso che ci siano dei momenti in cui sia giusto presentarsi in prima persona!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...