#ballespaziali, Renzi da Fazio

A volte è meglio tacere ed informarsi. Queste le frasi più discutibili di Matteo Renzi intervistato da Fabio Fazio

Annunci

Ieri Matteo Renzi è stato ospite alla prima di “Che tempo che fa”. Ha detto molte cose interessanti sul lavoro, dall’annunciata abolizione dei co.co.pro, che personalmente auspico da anni. Questa, più altre sparate tra cui: “Il sindacato che è l’unica azienda sopra i 15 dipendenti in cui non vige l’articolo 18″, il richiamo ai giovani e alle mamme, tutto questo ha reso il suo discorso un WIN totale. E no, non sono un suo sostenitore.

  • “Cancelleremo co.co.co e co.co.pro” > Questa affermazione potrebbe essere vera, anche se ad oggi non era un’intenzione dichiarata dal governo. Personalmente sono d’accordissimo: si tratta di due forme di lavoro inutili che troppo spesso nascondono sfruttamento. Ho solo il dubbio che cancellino solo i co.co.co, dato che sull’argomento il premier ha ripetuto più spesso questa categoria. Il fatto è che i co.co.co in Italia sono stati superati coi co.co.pro dalla riforma Biagi nel 2003. Insomma, come dice Susanna Camusso Renzi non sa che i co.co.co non esistono più. Non è proprio così, i co.co.co. rimangono in specifiche categorie: nella pubblica amministrazione, pensionati che lavorano, società sportive, liberi professionisti iscritti ad ordini professionali, amministratori di società. Ma da qui ad affermare che riformare i co.co.co sia una rivoluzione, in questi specificissimi ambiti, ecco mi sembra una fesseria. 
  • [L’articolo 18] “chi riguarda? 2.500 persone” > Non è vero. L’articolo 18 coinvolge 6 milioni e mezzo di lavoratori, secondo questo grafico elaborato dalla Cgia di Mestre. Renzi probabilmente si riferisce al numero di cause in tribunale.
  • “L’articolo 18 risale a 44 anni fa” > Non è vero. L’articolo 18 è stato riformato nel 2012 dal ministro Elsa Fornero. Dando una maggiore flessibilità in uscita e istituendo l’Apprendistato, come spiega bene in questo post  “Aspettando l’abolizione: Articolo 18 for dummies” Andrea Zitelli su Valigiablu e Fanpage.
  • “Marchionne ha costruito una Fiat che dal mio governo non ha preso un centesimo” > Già, peccato che Sergio Marchionne sia amministratore delegato della Fiat  dal 2004. Peccato che circa 10mila dipendenti siano in cassa integrazione o solidarietà fra tutti gli stabilimenti, e che a Termini Imerese ci sia la cassa in deroga. Questo articolo di Federico Fubini spiega bene il rapporto dell’azienda fra entrate e uscite pubbliche.
  • “Lo Stato deve farsi carico del lavoratore: un indennizzo, la formazione e un’offerta di lavoro entro un anno: una rivoluzione” > Abbiamo già un piano europeo chiamato Garanzia Giovani con un miliardo e mezzo di Euro – trovati da Letta – che dovrebbe dare lavoro a oltre 200mila iscritti attuali, e dal 1 maggio ad oggi i colloqui fatti sono circa il 20%, e le offerte di lavoro correlate 20mila (che poi sono le solite delle agenzie del lavoro, eh).
  • [La giusta causa] “è un diritto che viene messo in mano a un giudice, io non voglio che la scelta di chi deve assumere o licenziare sia in mano a un giudice” > Beh, se permettete a me sembra abbastanza normale che un diritto sia in mano a un giudice. Se poi il licenziamento avviene per motivi economici è un’altra cosa.

da L’Isola dei Cassintegrati

Autore: Massimiliano De Conca

Insegnante, filologo, curioso …. penso che ci siano dei momenti in cui sia giusto presentarsi in prima persona!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...