Un’altra buffonata

L’ANSA delle 19 ci informa dell’ennesima buffonata, o meglio ricatto, del Premier Renzi: “con 3mila emendamenti non si fa tempo ad assumere per settembre”. Una riforma vuota di contenuti e piena di spot: si rende conto che le elezioni sono terminate ed ha perso! Via alla demagogia …

Annunci

Il presidente del consiglio Matteo Renzi durante la trasmissione televisiva "Porta a Porta" condotta da Bruno Vespa, Roma, 16 giugno 2015. ANSA/ANGELO CARCONIL’ANSA delle 19 ci informa dell’ennesima buffonata, o meglio ricatto, del Premier Renzi:

Con 3mila emendamenti non si fa tempo ad assumere per settembre

Et voilà, lo scaricabarile è servito! Avendo fra le mani una riforma vuota di contenuti e piena di spot elettorali

La verità, piaccia o meno, racconta altro:

1- la riforma della cosiddetta BuonaScuola doveva mascherare la condanna della Corte Europea (abuso di contratti a tempo determinato): il piano dell’assunzione di precari è una necessità dettata dall’agenda europea, non un’operazione pedagogica.

2- dovendo fare una riforma di ‘destra’, perché questo pezzo di PD governa con la destra di Alfano (la stessa che ha dettato il Jobs Act, vedi Maurizio Sacconi e Pietro Ichino), era necessario dare il contentino dei superpoteri del dirigente a chi l’amministrazione pubblica l’ha considerata da sempre l’azienda o il proprio salotto di casa, con tanto di servitù (ingresso dei privati, libertà d’insegnamento a rischio, licenziamento di massa di migliaia di precari che per anni hanno permesso alla Scuola pubblica di lavorare …)

3- avendo perso -e pesantemente- le recenti elezioni regionali e comunali (circa 2 milioni di voti in meno), essendo alle strette con i numeri in Senato, appare quasi scontato che Renzi inventi qualcosa di nuovo, possibilmente non “a sinistra”.

L’idea del ricatto, ovvero “fate passare il DDL o non passano neanche le assunzioni”, è in tipico stile renziano: tenere tutto sotto controllo dettando le regole, azzerando il confronto e richiedendo con massima arroganza di essere seguito ‘a prescindere’.

Un’altra boutade, un’altra buffonata, che distoglierà l’attenzione dalla reale assenza di contenuti di questa riforma.

Durissima la reazione delle opposizioni da Sel al Movimento 5 stelle. “Abbiamo chiesto decine di volte lo stralcio della parte relativa alla stabilizzazione dei docenti precari, dicendo che avremmo votato anche noi subito un decreto per la loro assunzione “, attacca Nicola Fratoianni coordinatore nazionale di Sel . “Renzi non provi neanche a buttare la responsabilità dell’incapacità del governo sulle opposizioni e sul parlamento”, aggiunge.

(vedi Internazionale)

Autore: Massimiliano De Conca

Insegnante, filologo, curioso …. penso che ci siano dei momenti in cui sia giusto presentarsi in prima persona!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...