La Scuola di oggi è …

SCUOLA:STUDENTI IN CLASSE E GENITORI FUORI DALLA SCUOLA.ATT.PEREGO - SCUOLA ELEMENTARE DI VIA NOE - Fotografo: FOTOGRAMMA - dispersione scolastica

Siamo a fine anno scolastico, il primo dopo l’avvio della “Buona Scuola”.

Con una frase, descrivi la tua esperienza di quest’anno.

Annunci

Anche Unidos non Podemos

Altra batosta all’Europa, dopo il #brexit

In Spagna la destra vince senza maggioranza e Podemos non supera i socialisti. Il Partito popolare conquista 137 deputati, mentre per governare ne servono 176. Smentendo i sondaggi e gli exit polls, il Partito socialista resta il secondo più votato, con 85 deputati, e Podemos il terzo con 71 seggi. Ciudadanos, di centrodestra, ottiene 32 seggi. 

brexit è servita

Brexit!

Il Regno Unito ha votato a favore dell’uscita dall’Unione europea. Lo scrive la Bbc, secondo la quale il 52 per cento dei britannici ha votato per l’opzione leave (lasciare) contro il 48 per cento dei remain (restare) nel referendum del 23 giugno. Al momento sono stati completati gli scrutini di 339 dei 382 collegi. Londra e la Scozia hanno votato in larga maggioranza per la permanenza nell’Unione europea, mentre nel nord dell’Inghilterra ha stravinto la Brexit. .
Continua a leggere

Che noia la scuola, licenziamo l’insegnante

noia a scuola

La docente Gillian Scott, fino a un paio d’anni fa impiegata nella scuola media Breadalbane Academy di Aberfeldy, nella contea scozzese del Pertshire, è l’opposto del professore John Keating del film L’attimo fuggente: le sue lezioni di letteratura inglese sono talmente noiose e scontate che riescono ad ammorbare anche gli studenti più assetati di conoscenza. Dopo le lamentele di genitori e alunni, l’operato della trentatreenne è stata messo sotto esame da una commissione istituita dal General Teaching Council (l’Ordine degli insegnanti in Scozia) e nei giorni scorsi la Scott è stata radiata dal corpo docenti perché giudicata «incapace di insegnare».

Continua a leggere su Il Corriere della Sera

 

[su_note]Leggi anche la Scuola Noiosa è fatta di insegnanti noiosi[/su_note]

Dante si è fermato a Pisa?

Dante si è fermato a Pisa. E non per poco tempo. Questo è il teorema portante che regge il recente e ricco volume a più voci dedicato a Enrico VII, Dante e Pisa uscito per le cure di Giuseppe Petralia e Marco Santagata (Angelo Longo editore, pp. 520, 56 ill., euro 45.00). E sarebbe novità non di piccolo rilievo nella biografia del poeta che mai ha annoverato Pisa tra le tappe del suo lungo peregrinare, neppure tra le più brevi. A questo punto, ognuno di noi farà appello alla propria memoria scolastica recuperando la celeberrima apostrofe di Inferno XXXIII «Ahi Pisa, vituperio de le genti» con quanto segue, e si chiederà come sia possibile che Dante si rifugiasse proprio là dove aveva destinato alcuni dei suoi versi più duri.

Continua a leggere

L’odio è velenoso

Helen Joanne Cox, 41 anni, è stata colpita a coltellate e colpi d’arma da fuoco a Birstall, alle porte di Leeds, nello Yorkshire. Soccorsa in condizioni critiche, è deceduta poco dopo.

Arrestato un inglese di 52 anni, Tommy Mair, che abitava in zona. Secondo i media inglesi, l’aggressore le avrebbe gridato parole nazionaliste. Contraria alla Brexit, la parlamentare si era occupata di temi legati ai più deboli e all’accoglienza dei rifugiati siriani. Sospesi i lavori degli opposti comitati referendari sulla Ue. Il marito Brendan: “L’odio è velenoso”
Ci sono momenti in cui è necessario fermarsi per riflettere se in milioni di anni l’uomo si è davvero evoluto distinguendosi dagli altri animali per rispetto dei suoi simili, tolleranza, apertura mentale, predisposizione al confronto.

Pensione anticipata, ovvero mutuo decennale

Se dovesse rimanere confermata l’ipotesi di una “pensione anticipata” come prestito pluriennale saremmo di fronte alla più grande frode di tutti i tempi!

Si chiede flessibilità in uscita (senza penalizzazioni!) per creare nuovi posti di lavoro e la risposta è dare la possibilità a chi ha già versato una quarantina d’anni di contributi di pagarsi la sua uscita dal mondo del lavoro.

Una vera follia!

Leggi la notizia

Infanzia negata

infanzia negata

Nei primi cinque mesi del 2016 sono arrivati in Italia più di settemila minori non accompagnati. Nove minori su dieci arrivati in Europa quest’anno attraverso l’Italia non erano accompagnati, il doppio rispetto allo stesso periodo del 2015. Lo ha dichiarato l’Unicef in un rapporto che denuncia i pericoli a cui vanno incontro i minori non accompagnati in Europa: vengono reclutati dalla criminalità in particolare per lo spaccio di droga o per la prostituzione minorile.

Internazionale

 

 

 

[aesop_collection collection=”2405″ limit=”5″ columns=”1″ splash=”off”]