Emergenza docenti di sostegno

Più di 170 i posti vacanti nelle elementari di città e provincia. Il record a Sermide: ne mancano dieci

Annunci
scuola

Sono più di 170 i posti vacanti nelle scuole elementari di città e provincia per quanto riguarda i soli docenti di sostegno. A lanciare l’ennesimo allarme in questo complicato avvio di anno scolastico è il segretario di Flc Cgil Massimiliano De Conca.

I buchi negli organici delle scuole elementari fanno quasi impallidire il dato delle materne, dove sono circa 80 i posti ancora da assegnare. Sono 86 i posti vacanti per quanto riguarda le nomine annuali. A questi vanno aggiunti altri 84 posti che avrebbero dovuto essere occupati da insegnanti che sarebbero stati immessi in ruolo e stabilizzati. «Quest’ultimo dato è particolarmente grave – spiega De Conca -. Si tratta di docenti che sarebbero stati assunti a tempo indeterminato. Il problema è che non si trovano docenti di sostegno, nelle graduatorie non ci sono». Ai 170 vanno aggiunti anche alcuni insegnanti che sarebbero stati impegnati in spezzoni di orario e part time.

Per colmare le lacune negli organici, i dirigenti scolastici degli istituti comprensivi saranno costretti ora a nominare supplenti. «I buchi saranno tamponati con supplenze temporanee – prosegue De Conca -. Il concorso non ha portato nelle graduatorie docenti specializzati. La conseguenza è che i bambini saranno seguiti da professori non specializzati. Si tratta comunque di ottimi insegnanti, molto preparati, ma che non hanno avuto una preparazione specifica per il sostegno». De Conca sottolinea che il rapporto dovrebbe essere in media di un docente di sostegno ogni due bambini. Si parla, dunque, per le sole scuole elementari, di circa 350 bambini con disabilità ancora senza insegnante. «La cosa preoccupante – continua il segretario della Flc Cgil – è che a questi bambini non viene garantita la necessaria continuità del corpo docente. Questi continui stravolgimenti e cambi di insegnanti non sono di certo positivi».

Scendendo nel dettaglio, i posti vacanti risultano essere sette nell’istituto comprensivo Mantova 1, sei a Mantova 2 e uno a Mantova 3. I dati appaiono ancora più allarmanti nelle scuole della provincia. A spiccare, in negativo, sono i dieci docenti che mancano all’appello a Sermide. Tra questi, sette sarebbero stati immessi in ruolo.

Suzzara 2, Volta Mantovana e Canneto toccano quota otto, si fermano a sette Castiglione delle Stiviere 1 e Porto Mantovano. Il fenomeno tocca la quasi totalità degli istituti comprensivi della provincia.

Il problema legato agli insegnanti di sostegno è quello più grave, ma non è l’unica situazione difficile. «Detto di materne ed elementari, non vanno dimenticate le criticità legate alle medie e alle superiori – puntualizza De Conca -. Manca ancora il dato definitivo delle medie legato ai docenti di sostegno, ma anche qui i posti vacanti saranno più di cento. Il tutto senza dimenticare che anche molte cattedre di altre materie risultano al momento scoperte. Per medie e superiori i problemi maggiori riguardano in particolare la matematica, l’italiano e le lingue straniere».

Autore: Massimiliano De Conca

Insegnante, filologo, curioso …. penso che ci siano dei momenti in cui sia giusto presentarsi in prima persona!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...